In questo sito utilizziamo dei cookies, anche di terze parti, per rendere la navigazione più piacevole per i nostri utenti. Continuando la navigazione nel sito, Lei accetta l’uso dei cookies.

Team is everything
Play hard, play fair
Respect all, fear none
Rugby is a game for kids

Cresciuto rugbisticamente nella Marca trevigiana, Manuel Dallan debutta nel 1995 nella prima squadra della Benetton Treviso, dove è rimasto per undici stagioni. Nel 2006, dopo sette scudetti, due Coppa Italia ed una Supercoppa, Manuel si trasferisce al Petrarca Padova dove rimane per due stagioni. Nell'estate del 2008 è passato nelle fila del Veneziamestre. Nella città lagunare ha giocato fino al 2010.
Dal 1997 al 2004 ha collezionato 18 caps (presenze in Nazionale), l'ultima a Roma contro la Scozia (6 marzo, 20-14 per gli Azzurri), totalizzando venti punti in virtù delle quattro mete realizzate. Oggi vive a Merano, dove continua a respirare il rugby in veste di Presidente Merano Rugby Academy e organizza camp estivi per ragazzi.

Campionati italiani: 7
Benetton Treviso : 1996-97, 1997-98, 1998-99, 2000-01, 2002-03, 2003-04, 2005-06

Coppe Italia: 2
Benetton Treviso : 1997-98, 2004-05

Supercoppa d'Italia: 1
Benetton Treviso : 2006

18 presenze in nazionale
1 mondiale nel 2003 in Australia

Allenatore federale di 3° livello

LA FILOSOFIA DI MANUEL


"Posso dire con tutta sincerità che IL RUGBY non è solo uno sport. Condiziona totalmente la vita di chi lo gioca con reale passione, in ogni momento della giornata. Porta ad essere degli ottimisti cronici. Il valore dell’amicizia nata nel campo da gioco assume un senso particolare, tanto da legare le persone vicendevolmente per tutta la vita. Dopo aver trasformato le mie scarpe da gioco in scarpe da allenatore ho potuto continuare la mia crescita assieme ai bambini e ai ragazzi scoprendo che la possibilità di poter diventare un buon giocatore di rugby, è alla portata di ogni uno di loro. Diventa fondamentale la figura del loro formatore, la sua conoscenza di questo sport ma anche la conoscenza di se stesso. Se voglio insegnare il rugby a un ragazzo devo conoscere il rugby, ma devo assolutamente conoscere anche il ragazzo. Le sinapsi rappresentano la rete di comunicazione presente nel nostro sistema nervoso. Tutti hanno un sistema nervoso, ma non tutti ricevono i “rugby Messaggi” da trasmettere e trasformare in movimento. Quello che l’allenatore insegna diventa un messaggio verso il bambino che a sua volta lo trasforma in un messaggio verso i propri muscoli che eseguono il gesto.  Quanto è allenato il cervello del bambino a trasformare i messaggi? Quanto è allenato il cervello dell’allenatore a mediare i messaggi verso il bambino?"